- Arctic Cat - 400 4x4 2004 ATV 2002/2009 -  Forum Generali di Quad ATV  Forum ATV Quad Tecnica  Forum Utenti  Quad Atv Italiani e percorsi quad atv

Home
Cosa è un Quad ?
Ultime notizie Quad
ATV raduni
Viaggi in Quad
Squadra Corse Quaddisti.it
TGB CUP 2009
Competizioni ATV
Classifiche campionati
Classifiche Gare
Quad ATV Forum
Quad Tecnica Forum
Quad in Rosa
Forum jetski PWC
I Nostri Racconti
Foto Pazze
Archivio Fotografico
ATV pics and video
Cose utili Fai da te
Testati per Voi
ATV Recalls
Legislazione
Archivio storico quad
Rivenditori Quad ATV
Noleggi Quad
Quad Atv Vendo
Offerte ATV dealers
Lavoro quad
Links
Via del Sale Quad ATV
Mailing list
Obiettivi e Contatti
Iscrizione
Link a Quaddisti.it

Partner case madri:

Sponsor  links:

 

 

Dopo più giornate di duro lavoro, abbiamo finalmente finito tutti i test e possiamo pubblicare le nostre impressioni su questo nuovo mezzo: milano - 29 Febbraio 2004.

Quasar 400 4x4 Laverda

modello 2004 produttore Arctic Cat USA

 

Iniziamo dai dati base:

  • Motore: 376 cc - raffreddamento aria olio - SOHC - 4 tempi - 4 valvole a catena di distribuzione
  • Trazione: 2/4 ruote motrici ad inserimento elettrico con differenziale anteriore
  • Scarico: Catalitico ottimizzato per guadi e retromarcia in acqua e omologato
  • Freni: a disco idraulici anteriori e posteriori più uno stazionamento posteriore meccanico - frenata integrale sia a pedale che a manubrio, fermo freno a pompa manubrio e stazionamento a pedale separato
  • Sospensioni: a doppi quadrilateri contrapposti oscillanti e indipendenti, sia anteriori che posteriori
  • Escursione max sospensioni: (sia anteriore che posteriore): cm 25.4 (miglior valore della categoria Utility)
  • Altezza da terra: cm 30.48 (miglior valore della categoria Utility)
  • Trasmissione: a cardano
  • Cambio: variatore automatico CVT con EBS
  • Selettore di marcia: a 4 posizioni - ridotte - veloci - neutral - retromarcia
  • Capacità massima di carico anteriore portapacchi: kg 46 (miglior valore della categoria Utility)
  • Capacità massima di carico posteriore portapacchi: kg 91 (miglior valore della categoria Utility)
  • Capacità massima di carico totale: kg 477
  • Omologazione: Europea per due posti
  • Ruote omologate anteriori: 2 configurazioni (stradali 185/65-15 e fuoristradistici 25*8-12)
  • Ruote omologate posteriori: 2 configurazioni (stradali 205/60-15 e fuoristradistici 25*10-12)
  • Capacità serbatoio: litri 18 - riserva litri 4
  • Peso a secco: kg 292
  • Portapacchi: con specifica proprietà multirack sia anteriore che posteriore
  • Capacità vano posteriore corde e attrezzi traino: 25 litri (miglior valore della categoria Utility)
  • Contachilometri: presente e digitale, integrato in cruscotto e a tenuta stagna.
  • Capacità alternatore: 16 Amps ( 192 watt )
  • Indicatore livello serbatoio benzina: presente e di serie

Dimensioni:

  • Altezza: 125 cm
  • Larghezza: 121 cm
  • Lunghezza: 206 cm
  • Interasse: 127 cm

Prezzo al pubblico iva compresa esclusa immatricolazione € 10.788/00

Lunedì 01 marzo 2004

Il mezzo è stato testato senza variare le caratteristiche di potenza e velocità con le quali viene immesso sul mercato.

I primi esemplari di questo mezzo, in uscita sul mercato da Febbraio 2004, saranno disponibile con entrambe le configurazioni, strada e fuoristrada.

Il primo test, con la configurazione stradale, cerchi da 15 pollici in lega lo abbiamo effettuato alla due giorni di Firenze organizzata dal Jonathan team del 31-01-2004. All'inizio tutti si pensava che il mezzo non fosse in grado di avanzare nella boscaglia e sulle strada innevate..... Ma con grande stupore non solo ci è riuscito, ma siceramente si è dimostrato superiore ai 2x4 rinomati e ha raggiunto e superato tutti gli step e difficoltà senza bisogno di alcun aiuto.

Subito lo affidiamo nelle mani del Gionatan (qui ritratto in foto). Il suo modo di testare i mezzi:

  • prima azione, due ruote laterali
  • seconda azione , impennata drastica di ridotte
  • terza azione tentativo di ribaltamento laterale in contro pendenza massima

Il Quasar 400, pensiamo molto intimorito da una guida così decisa supera tutte e tre le prove, crediamo, soprattutto grazie ad un elevato istinto di sopravvivenza meccanica!

Il commento del Gionatan è ottimo per la ciclistica e sufficiente per la motorizzazione ...... se non impennano di gas a lui non piacciono !

Contenti della robustezza dimostrata e del fatto che si è mantenuto integro per poterlo iniziare a testare saliamo a bordo e partiamo per un giro di Firenze in notturna.

Il confort di marcia, con due persone a bordo è stato da subito eccezionale, la capacità di carico è veramente elevata.

Nella marcia in strada il mezzo trova il suo massimo con questa configurazione. Nessuna vibrazione e grande confort.

Nonostante la limitazione di legge, il mezzo raggiunge in breve la velocità massima di 80 Km orari e le sue doti di accellerazione sono praticamente indipendenti dall'avere 1 o 2 persone a bordo.

Certo, abituati al vecchio Sportsman 500, la sensazione di guida, all'inizio appare strana.....

Soprattutto la frenata ..... Fantastica......, sembra di guidare una moto da turismo!!

Il sistema frenante, che rimane integrale sia con la leva a manubrio che con il pedale del freno risulta preciso e molto potente, tale da richiedere l'utilizzo di al massimo due dita della mano sinistra per il suo funzionamento.

Se applichiamo la forza alla quale siamo abituati il risultato è una frenata da ribaltamento .......

Piano piano cominciamo ad apprezzare le doti ciclistiche di questo mezzo...

Il differenziale anteriore è molto utile e permette fluidità e precisione di guida anche su strada.

Segnaliamo che quando si trasporta un passeggero, se si guida il mezzo in modo estremamente sportivo, su asfalto, è comunque necessario spostare il peso all'interno della curva per compensare l'aderenza forse eccessiva dei pneumatici posteriori da strada. Ovviamente questa caratteristica si verifica solo spingendo il mezzo al limite della sua tenuta e in due persone a bordo.

La protezione dei parafanghi laterali è veramente ottima e i comodi paraspruzzi anteriori permettono di eliminare la maggior parte degli schizzi di acqua e fango. Abbiamo provato ad entrare in velocità in pozze di neve e terra, uscendone praticamente asciutti, soprattutto con grande sollievo del passeggero.

Iniziano profonde e fangherecce carregge.... il nostro pensiero ...... " porcccc ...con queste gomme, qua si spinge........".

E invece, ancora una volta, il lavoro incredibile sia del retro treno che delle sospensioni anteriori, coadiuvato dall'altezza da terra del mezzo ci permette di uscire da tutti i tranelli dell'arduo e perfido percorso scelto dal vecchio Gionata, e come vedete dalla foto , il percorso non era certo ne in piano ne su asfalto !

La maggior parte del raduno è stato su terra e quindi ci sembra più giusto passare a descrivere il mezzo con la configurazione da fuoristrada da noi testata la domenica successiva 08-02-2004 a Cervinia.

Finalmente ci accingiamo a testare questo mezzo con la configurazione a lui più adatta:ruote da fuoristrada e cerchioni da 12 pollici!!!!

La mattina la neve è ghiacciata ma il sole và riscaldando piano piano la località di Cervinia.

Anche noi, ci divertiamo un po' su due ruote laterali e prendiamo confidenza con questi pneumatici Carlise di un tipo BADLANDS XTR che non avevamo mai visto e provato. Il pneumatico è un 6 tele e riporta la dimensione in unità di misura metrica. La cosa importante da sottolineare è la sua forma a "pera" e che, anche se completamente sgonfio, consente la marcia. La sua carcassa tubless ha tele che garantiscono un ottima resistenza alle forature e la possibilità di raggiungere uno spiazzo per la riparazione anche con gomma bucata a pressione 0 psi.

Il grip è veramente incredibile, oltre le sospensioni a quadrilateri indipendenti davanti e dietro, adesso lavorano anche i pneumatici.

Salite discese contro pendenze, denti, facciamo di tutto senza problemi. Anzi diciamo che durante questa prova abbiamo proprio avuto l'occasione di confrontare il mezzo con gli altri nomeati prodotti da anni presenti sul mercato. Nel fuoristrada tecnico e per quanto riguarda il confort non vi è il minimo paragone. Mentre per quanto riguarda le prestazioni su asfalto ricordiamo che il mezzo non è stato spiombato e che manteneva le configurazioni di omologazione.

Il mezzo va però guidato con una impronta particolare. Infatti non ama fermarsi prima dell'ostacolo ma preferisce da vero utility professionale una velocità costante e una trazione costante. In questo modo arriva ad assorbire tutte le asperità , le contro pendenze e le salite-discese grazie alla fantastica escursione delle sospensioni anteriori e posteriori.

Un paragone automobilistico a questo Quadricilo di Laverda (Quasar 400 4x4) è sicuramente il Defender della Land Rover.

L'unica cosa che ci ha lasciati un filo stupiti è l'alto regime di rotazione del motore. Infatti al contrario di ciò a cui siamo abituati, i variatori sono tarati in modo da far prima salire il numero di giri, e quando il motore arriva in copia massima, cominciare ad allungare il rapporto finale.

La pressione delle gomme da noi ritenuta ottimale è 5 psi anteriori e 6 psi posteriori (ovviamente su neve o terra). Ma per le evoluzioni laterali e di impennata sulle posteriori il mezzo reagisce con grande precisione con pressioni dai 14 ai 20 Psi. 20 psi è la pressione massima indicata dal produttore per pneumatici da fuoristrada.

Per l'utilizzo normale  (misto) consigliamo di mantenere una pressione costante di 7-8 psi su tutte e 4 le ruote. In caso di trasporto del passeggero e pieno carico si puo aumentare la pressione fino a 9-10 per le posteriori.

Con l'utilizzo delle gomme stradali abbiamo mantenuto una pressione di 1 bar.

Passiamo ora alla descrizione dei particolari e delle innovazioni positive presenti sul Quasar 400 4x4 Laverda:

Prima cosa da notare..."incredibile dictu"... FRENATA INTEGRALE SIA A MANO CHE A PIEDE !!!!!!!!!

Il reparto progettazione Arctic-Cat è finalmente riuscito a compiere quel miracolo che tutti desideravamo .... tra l'altro anche con una semplicità incredibile..... la definiremmo senz'altro l'"uovo di Colombo".

La frenata è realmente potente, non sembra neanche un quadriciclo da tanto frena.....

Altro particolare estremamente utili e da notare è: un pedale di emergenza che il guidatore aziona (con il tallone) quando deve scendere velocemente dal mezzo su terreno in pendenza.

In un secondo si può saltare letteralmente giù dal Quasar e avere la certezza di averlo frenato, cosa molto utile in caso di emergenza in fuoristrada, per esempio, quando si deve prestare aiuto ad un amico in difficoltà. (per avere la frenata su tutte e quattro le ruote, deve essere inserita la trazione a 4wd)

Passiamo adesso ad altre novità:

Indicatore benzina di serie

Selettore marcia fluido e con ottima impugnatura (leveraggio protetto)

Contachilometri digitale retrolliminato e cruscotto essenziale ben inserito nel gruppo manubrio. Grande attenzione è stata anche mantenuta alla schermatura da infiltrazioni di acqua e di fango.

Il gruppo comandi sulla manopola sinistra del manubrio è completo. Da notare la dimensione della guarnizione del tappo della vasca olio - pompa freni. Questo particolare garantisce la tenuta e previene le perdite e trasudazioni di olio dei freni, anche dopo aver più volte smontato il tappo per spurgo freni e manutenzione impianto. (test eseguito)

Bloccasterzo esterno, sicuro e soprattutto, come sistema consente di non variare con saldature e innesti la solidità strutturale del piantone di sterzo del mezzo.

La prima particolarità tecnica da citare è che, con le 4wd inserite, in discesa il freno motore del mezzo, molto ben bilanciato, è su tutte e quattro le ruote e non solo sulle posteriori e che in retromarcia, grazie all'inserimento elettrico, la trazione si mantiene su tutte e quattro le ruote.

Doppi quadrilateri indipendenti anche sulle sospensioni anteriori: in pratica questo mezzo ha due "retrotreno" !!! L'escursione possibile di ognuna delle 4 ruote è quindi incredibile 25.4 cm!

Le sospensioni hanno poi 5 regolazioni e la chiave per regolarle è compresa nella dotazione di serie. Anche l'accessibilità per la regolazione è ottima e non si necessita di smontare le ruote per poterla raggiungere e settare al meglio.

Nonostante la notevole altezza da terra 30.48 cm, l'angolazione dei semiassi posteriori non è eccessiva, grazie alla trasmissione completamente cardanica, che ha consentito di abbassare al massimo l'aggancio dei giunti omocinetici centrali del gruppo cambio, rispetto ai tralicci del telaio. Questo accorgimento dovrebbe consentire una lunga durata delle cuffie posteriori centrali del mezzo.

L'accessibilità di tutto l'impianto elettrico ed in generale del mezzo è veramente sbalorditiva. (foto vano portafusibili posteriore, gruppo centralina, bobina e batteria e finale vano portaoggetti posteriore esterno),

Tutto sembra progettato per operatori professionisti che usano il mezzo quotidianamente e per lavoro.

Qualsiasi cosa è a portata di mano e anche il gruppo motore è protetto rispetto alle ruote anteriori, ma lateralmente è completamente raggiungibile e osservabile.

Togliamo la sella, scopriamo un buon alloggiamento per la batteria e il posizionamento della dotazione di serie di attrezzi. Anche questa stranamente completa. Sembra un sogno !

L'aspirazione del filtro dell'aria è sempre posizionata tra la sella e il serbatoio, ma smontandone il coperchio superiore ...... vediamo un filtro in spugna. Scelta molto utile per un fuoristradista, che ad ogni escursione si ritrova un " po' " di terra sul filtro ......

Smontiamo il filtro e notiamo una grande scomparto inferiore chiuso da paratie forate di tenuta. Esso ha la funzione di serbatoio di acqua, per evitare che il mezzo si spenga immediatamente alla prima bevuta dal becco di aspirazione. Soluzione semplice e molto utile. Le paratie forate superiori (sotto  il filtro aria), hanno la funzione di impedire all'acqua e sporco fagocitato di venire aspirati dal filtro stesso durante la marcia. Per svuotarlo vi è un simpatico beccuccio in gomma posizionato al di sotto. Schiacciandolo con le dita si apre e permette all'acqua di uscire, operazione di 30 secondi che può essere effettuata dopo aver superato un guado con acqua oltre la sella. (foto esterno vano filtro e scomparto acqua e sporcizia varia)

I punti di ingrassaggio sono stati tutti sostituiti dalle boccole in teflon.

Passiamo al vano variatore ... è stagno!!!

Non di plastica a guscio flottante ma integrato in alluminio nel banco motore con guarnizioni di tenuta. Le prese di aria per l'aspirazione e per lo scarico del raffreddamento cinghia, attraverso lunghe canalizzazioni raggiungono la parte anteriore del mezzo (aspirazione) e arrivano fin dietro la sella (scarico variatore dietro la sella - sopra  la marmitta). Questa soluzione consente di alzare notevolmente il limite di guado del mezzo.

A tal riguardo citiamo uno scarico del silenziatore anche nella parte anteriore. Questo piccolo foro di diametro 8 mm, e i vasi di espansione che vi sono collegati, hanno la funzione di garantire l'uscita dei gas di scarico quando il quad, con la marmitta completamente sommersa, deve avanzare in retromarcia. In condizione normale, da quello scarico il silenziatore aspira aria per l'ottimale funzionamento del catalizzatore.

Il raffreddamento a olio, poi si basa su un radiatore dalle grandi dimensioni, sembrerebbe infatti tipico dei raffreddamenti ad acqua, e permette temperature di funzionamento e avviamento ben inferiori allo zero e una migliore capacità di scambio termico.

Studiando poi il retrotreno del mezzo, notiamo un comodo vano posteriore, di grande capacità, posizionato centralmente. Al suo interno abbiamo messo il nostro solito corredo per il traino. Nell'ordine siamo riusciti a stivare con comodità:

  •  una corda di traino da 25 metri
  • un gancio
  • una piccola ascia
  • due paia di guanti da lavoro
  • una corda di traino da 10 metri
  • 3 bottigliette di te da 25 cl.

 

Vediamo adesso il sistema multirack dei portapacchi. Tutto si basa sulla possibilità di poter scambiare le configurazioni con agganci rapidi tra posteriore e anteriore. Inoltre il sistema consente di utilizzare anche attacchi laterali e anteriori e posteriori al mezzo. Tutto ciò che si monta sul portapacchi posteriore può essere montato sull'anteriore e così per il destro con il lato sinistro. La soluzione vincente è appunto garantire la massima flessibilità di carico all'utente e il poter utilizzare, ceste, baulotti e attrezzatura varie, ogni volta in modo più conveniente alle esigenze della gita o del lavoro del momento. Inoltre segnaliamo la capacità di carico più elevata dei partapacchi di tutte la serie utility sul mercato.

Una piccola particolarità è anche la tenda. Essa si trasporta sul quad e si monta in meno di due minuti. Riamane perfettamente fissata al sistema Multirack e permette di coprire anche il mezzo oltre a fornire protezione per la notte al pilota.

 

Inoltre molti contenitori per i trasporto si montano su agganci rapidi del Multirack, ma esternamente agli ingombri del mezzo, sia anteriori che posteriori e anche laterali. Hanno ovviamente tutti la piena interscambiabilità tra di loro.

Considerazioni finali:

Lati positivi:    Mezzo adatto ad un utilizzo professionale, non teme confronti nel fuoristrada duro e nel trial. Massimo il confort delle sospensioni e fantastico il loro lavoro ed escursione. Gommatura ottima, incredibile per essere una dotazione di serie. Freni integrali a mano e a piede, trazione, capacità di guado, carico e tenuta di strada veramente al top della Gamma. Sistema portapacchi Multirack innovativo e di massima flessibilità.

Lati negativi:La rapportatura ci è parsa troppo corta.

Ricordiamo però: il mezzo sviluppa già 80 Km orari e come sapete la legge italiana non consente ai quadricicli di superare questa velocità. Riteniamo in ogni caso che in versione fuoristrada, sia possibile agire sui variatori per ottenere un regime di rotazione del motore più basso e una velocità massima più elevata, certamente più adatta per "viaggi africani o dove non ci siano limitazioni Europee applicate......"

Sinceramente provare questo mezzo e le sue innovative soluzioni ci ha fatto capire che un quadriciclo professionale sia veramente diverso a tutto quello cui eravamo abituati a vedere e provare fino ad ora.

La sensazione di robustezza e di semplicità che trasmette nell'osservarlo e nel guidarlo ha veramente cambiato i nostri canoni di giudizio e di confronto.

In ogni caso, visto che è sempre meglio testare con "propria mano.......",  verificate Voi stessi il Quasar 4x4 400 o 500 passo-lungo  dai concessionari Laverda Quadricicli o osservatene qualche esemplare ai prossimi raduni. 

 

Per ulteriori informazioni e contatti e per ricevere un catalogo a domicilio scrivete a

info@quadatv.it

Si ringrazia per la collaborazione  e la prova: Quad Center F.lli Righini, via Palladio, 6  - Milano - tel 02-58300901 assistenza 02-58320048 - cliccami per ulteriori info

 

un saluto e arrivederci alla prossima prova dallo staff Quaddisti.it .

Ps: Ricordiamo che tutte le evoluzioni con i quad e che descriviamo negli editoriali sono state effettuate fuori dalla sede stradale e da utenti esperti, ne sconsigliamo l'imitazione in quanto sbagliare una manovra può essere molto pericoloso,  e ricordiamo che il rispetto per la natura, il codice della strada e il buon senso sono e saranno sempre rispettate nelle nostre escursioni. Vi preghiamo quindi, di rispettare allo stesso modo la natura e gli ambienti dove svolgerete le Vs. escursioni.

 Ricordiamo che non siamo dei meccanici professionisti e che in ogni caso non ci assumiamo responsabilità alcuna per eventuali disastri combinati seguendo le nostre esperienze. Vi ricordiamo , inoltre, che , solitamente, la garanzia di un mezzo decade se non viene smontato da un concessionario ufficiale. Noi semplicemente ci  impegniamo al massimo per trasmettervi tutte le nostre conoscenze ed esperienze, nella speranza che Vi possano essere di aiuto.

Danni subiti dal mezzo: nessuno

Danni subiti dai tester: nessuno

Data prova iniziale : Febbraio 2004

tester: Stefano - Gionatan - Roberto - Sergio

 

Foto  e articolo de il Fero


Il contatore è stato inserito in tutte le pagine del sito ww.quaddisti.it e .com - monitorizza gli accessi. Statistiche dettagliate comprese.

Next Quad ATV events:
******
Scuola guida Quad ATV
febbraio 2009
tutti in pista
Quaddisti.it - Milano
******
Raduno:
Cliccami per i raduni Quad ATV
******
Gara:
Cliccami per le Gare Quad ATV
******
Evento:

Nuove foto:
Forum     Portale

Last Test:
anteprima
Arctic Cat TRV 700 H1 EFI
TGB Blade 425 525 4x4
TGB TARGET 325
TGB Blade 325 LE
BRP Renegade 800
DWT Rattle e Maxxis

Eventi da non perdere:
Via del Sale ATV
ogni anno a settembre e agosto
************
100 miglia quad raid

Ricevi mail info eventi quad

Sponsor  links:

Partner case madri:

 

Copyright © 2002 - 2011 and WebMaster : Staff forums Quaddisti - the Quaddisti.it new generations !!!
- Quaddisti.it - il Portale Quad ATV - riferimenti: e-mail: info@quaddisti.it
Data aggiornamento bordi condivisi e menù per tutte le pagine: 20/11/2011 16.11.32 +0100     

Sede e ufficio Quaddisti.it  - via Feltre, 62 - Milano - 20134 - MI - Tel e Fax analogico  +39 (02) 45 48 22 11 (ore ufficio) -  Fax digitale: (02) 36 63 95 96 (24ore) - cell: +39 392 83 05 881

Commerciale  Quaddisti.it - cell: +39 (329) 10 19 014 -  fax +39 (02) 36 63 95 96 (ore ufficio)

Ufficio Amministrazione Quaddisti.it tel +39 392 83 05 881 - fax +39 (02) 45 48 22 11 - (ore ufficio)